menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cusumano, M5S: «L'episodio dello sgombero mette a nudo la maggioranza divisa»

«Spiace anche non ci sia comunicazione fra le 2 più alte cariche in comune, chiaro segno di screzi interni che potrebbero un domani far vacillare la maggioranza»

Molto duro il commento di Giacomo Cusumano del Movimento 5 Stelle. Ecco cosa ha dichiarato in seguito allo sgombero avvenuto in via Cornaro: «Un edificio di proprietà comunale viene sgomberato, con un’ordinanza firmata dal sindaco Sergio Giordani, all’insaputa del vicesindaco Arturo Lorenzoni. Questo è quanto si legge su FaceBook oggi dalla Pagina Ufficiale di Coalizione Civica. L’ordinanza emessa il 14/01/2020 e pubblicata su Padovanet a pugno del Sindaco però parla chiaro,l’edificio è inagibile per tanto, per mettere in sicurezza tutti i cittadini, deve essere sgomberato. Sgombero che però non è chiaro, perché sempre nel testo dell’ordinanza, si legge che: “con nota prot. 368431 del 17.09.2019 il Settore Lavori Pubblici trasmetteva al settore Patrimonio Partecipazioni e Avvocatura nonché al settore Polizia locale e Protezione Civile la dichiarazione di inagibilità dell'edificio di proprietà comunale”. Tale nota è stata trasmessa al Sindaco il 15.10.2019, pertanto ci chiediamo come sia possibile che sia rimasto occupato un edificio inagibile per 3 mesi, mettendo a rischio l’incolumità di chi frequentava l’ambiente. Spiace anche non ci sia comunicazione fra le 2 più alte cariche in comune, chiaro segno di screzi interni che potrebbero un domani far vacillare la maggioranza, esattamente come successo per la mozione di FDI sulla mafia nigeriana, che ha visto 2 voti differenti fra PD e Coalizione Civica, rimarcando le diverse anime che la compongono. Queste situazioni fanno trasparire una maggioranza disunita che sembra restare compatta solo di facciata, ma nel concreto non dialogano fra loro su temi fondamentali della città, quindi quanto dureranno ancora con questo sistema? Ora, dato che l’edificio è del comune, mi aspetto una messa a norma immediata della struttura consentendone un uso legale ed in sicurezza, dando spazio a realtà associative atte al bene comune migliorando l’offerta di sicurezza fino ad ora proposta. Dal mio canto provvederò subito a convocare una commissione di vigilanza e controllo per fare luce su tutta la situazione e dare la possibilità all’amministrazione di dissipare ogni dubbio, cercando di capire tempistiche e modalità di risoluzione del problema, elencando le prospettive future per quest’annosa area da tempo in condizioni d’insicurezza».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento