menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Omicidio Noventa: la sentenza, "30 anni o ergastolo cambia poco, vogliamo il corpo"

Giovedì, ad un anno e mezzo dalla scomparsa della segretaria di Albignasego, il giudice Tecla Cesaro si è espressa nei confronti dei tre imputati accusati della morte di Isabella

Dopo sei ore di camera di consiglio, giovedì, al termine di un giudizio abbreviato, il giudice Tecla Cesaro ha emesso il verdetto. Freddy Sorgato e la sorella Debora, accusati della morte di Isabella Noventa, la segretaria 55enne di Albignasego scomparsa nella notte tra il 15 e il 16 gennaio dello scorso anno, in primo grado, sono stati condannati a 30 anni di carcere in quanto sono stati ritenuti responsabili di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione e di soppressione di cadavere.

CACCO. Per la tabaccaia di Camponogara (Venezia) Manuela Cacco, per la quale il pm aveva chiesto 16 anni e 8 mesi per lo stalking e la simulazione di reato, il giudice ha stabilito 16 anni e 10 mesi. Come riportano i quotidiani locali, agli stretti famigliari di Isabella Noventa, sarebbe stato riconosciuto un risarcimento di 800 mila euro come anticipo suddiviso tra mamma Ofelia il fratello Paolo Noventa, la cognata Maria Cristina e i nipoti; il resto dovrebbe essere definito in separato giudizio civile. All'ex marito Piero Gasparini sarebbe stato assegnato un risarcimento definitivo pari alla richiesta di 100 mila euro.

TUTTI GLI ARTICOLI SUL CASO

RICOSTRUZIONE. Accolta la ricostruzione del delitto presentata dal pm Giorgio Falcone sulla base della quale aveva fatto una richiesta pene di ergastolo per i fratelli Sorgato e 16 anni e 8 mesi per la tabaccaia Manuela Cacco.

FRATELLO DI ISABELLA. In aula il fratello di Isabella, Paolo Noventa, il quale per l'ennesima volta ha chiesto di sapere dai tre imputati dove si trovi il corpo della sorella: "Cambia poco se staranno in galera 30 anni o per sempre. Noi vogliamo il corpo di Isabella".

EX MARITO DI ISABELLA. L'ex marito di Isabella attende invece la motivazione della sentenza: "Onestamente pensavo venisse accolta la richiesta del pm", ha dichiarato.

LE FASI SALIENTI DEL CASO NOVENTA: LA SCOMPARSA DI ISABELLAFILMATI IN PIAZZA DEI SIGNORI TRE FERMI PER OMICIDIO PREMEDITATO - LA CONFESSIONE DI FREDDY INCIDENTE DURANTE RICERCHE IN BRENTA: MUORE SANARICO SOLDI E PISTOLE A CASA DI DEBORA LA TESTIMONIANZA DELLA CACCO LA CHIUSURA DELLE INDAGINIINIZIO DEL PROCESSO RICHIESTA PENE PER FREDDY, DEBORA E MANUELA CACCO - LA SENTENZA

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento