menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Cartografia dell'area protetta

Cartografia dell'area protetta

Grantorto, le due gare di Gran Cross minacciano il Sic del Brenta

A lanciare l'allarme Andrea Zanoni, vice presidente dell'intergruppo per il Benessere degli animali al parlamento europeo: le manifestazioni rischiano di disturbare gli uccelli che nidificano nell'area protetta

Destano preoccupazione i lavori a due passi dal Sic (Sito d'importanza comunitaria) IT 3260018 "Grave e zone umide del Brenta", riconosciuta anche come Zps (Zona a protezione speciale) finalizzati alla preparazione della pista che ospiterà, il 7 e il 14 aprile, le due gare di Gran Cross del campionato veneto Csen patrocinate dal Comune di Grantorto.

IL SIC MINACCIATO. È un'area di 3848 ettari che ricade nelle province di Padova e Vicenza e che riguarda ben 15 comuni oltre a quello di Grantorto. Conserva le maggiori caratteristiche di naturalità dell'intero alveo del Brenta soprattutto dal punto di vista faunistico. Vi si trova, infatti, una ricca presenza di specie ornitiche rare oltre ad essere luogo di nidificazione e di svernamento. Notevole biodiversità anche per quanto riguarda mammiferi, anfibi, rettili e pesci. "Il Comune di Grantorto credo abbia inconsciamente concesso il patrocinio ad una manifestazione che avrà effetti impattanti sull'area protetta. Mi chiedo se è stata richiesta la Valutazione di Incidenza Ambientale (Vinca) come prescritto per eventi che creano intereferenze negli ambienti protetti: è a rischio una zona con un delicato ecosistema fluviale" ha commentato a tal riguardo Andrea Zanoni, vice presidente dell'intergruppo per il Benessere degli animali al parlamento europeo.

UCCELLI IN PERICOLO. Gran parte della preoccupazione però Zanoni la manifesta per le covate dei volatili presenti nel luogo. "Gli uccelli, in questo momento, stanno entrando nel pieno del periodo riproduttivo - ha concluso Zanoni - Questa manifestazione viola la Direttiva Uccelli 2009/147/CE che, all’articolo 5 lettera d, prevede il divieto di disturbarli deliberatamente, in qualsivoglia ambito protetto o non protetto che sia, in particolare durante il periodo di riproduzione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento