rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
Calcio

Cittadella con il "vento" in poppa, salvezza un po' più vicina

3 a 1 al Tombolato in rimonta grazie alle reti di Vita, Maistrello e Carriero. Tre punti fondamentali in rimonta per il Cittadella di Gorini nello scontro salvezza con il Benevento. Granata a 41 in classifica, a +2 sul Cosenza e +3 sul Brescia (domani in campo con il Parma) a due giornate dalla fine

Alla fine è festa Cittadella, ma quanti brividi. La squadra di Gorini torna alla vittoria dopo più di 3 mesi con un 3 a 1 in rimonta. I cambi, mai come questa volta, decisivi per i granata. Maistrello e Carriero hanno ribaltato l'iniziale gol di Pettinari e il pareggio di Vita. Una vittoria pesantissima, piena di significati, con i granata che in un sol colpo ritrovano punti, gol e un'iniezione di autostima importante a 180' dalla fine. Con 41 punti, +2 sul Cosenza e +3 sul Brescia (in campo domani contro il Parma al Tardini) si può respirare un cauto ottimismo. 

APPROCCIO OK. Gorini, rispetto a Bari, cambia solo Mastrantonio inserendo Crociata, recuperato dopo la squalifica. Agostinelli presenta un Benevento abbottonato nonostante il tridente Ciano-Pettinari-Farias. Nei primi 14' è un Cittadella in grande fiducia, sulla falsariga di quello visto a Bari. Magrassi dopo 2' si divora il vantaggio con un colpo di testa lemme lemme dal centro dell'area di rigore. Crociata va vicino al vantaggio due volte, ma le sue conclusioni sono sempre deboli (6' e 14'). Vita al 9' prova la soluzione personale, controllo aereo su suggerimento di Crociata e conclusione al volo con cui non trova la porta.

COME A BARI. Il Citta è vivo e presente sul campo, eppure, come spesso accaduto in questa stagione, ancora una volta sono le palle inattive a risultare fatali per i granata. Il gol del vantaggio del Benevento è sinistramente simile a quello di Perugia, Bari o per tornare ancora più indietro al primo contro il Monza nel girone di ritorno dello scorso anno. Ciano scodella sul primo palo, Veseli, in anticipo su Salvi, prolunga sul secondo palo per Pettinari, che dimenticato da Donnarumma e Vita deposita il pallone in rete. Terzo gol stagionale per l'ex Ternana, il primo con la maglia dei campani. Nota statistica di un certo peso: tredicesimo gol subito in campionato dal Cittadella su palla inattiva, il sesto da corner. Come detto contro il Bari, veramente tanto, troppo, per la squadra di Gorini.

C'È VITA AL TOMBOLATO. I granata, passato lo shock, provano a riorganizzare le idee e al 28' trovano il pareggio con protagonisti i tre principali imputati in marcatura nell'occasione del gol di Pettinari. Donnarumma sulla sinistra lavora un ottimo pallone scodellando con il destro per Salvi, abile a scavalcare in uscita un imprudente Manfredini, per la girata al volo di Vita. Tutto in parità e il Tombolato ribolle. Nel resto del tempo succede poco nulla, un po' di calma dopo ventotto minuti di grande intensità. 

LAMPI DI AMBROSINO. Nella ripresa subito dentro Giraudo per l'ammonito Donnarumma, e Salvi dai 30 metri chiama al volo in corner Manfredini. La squadra di Gorini si scopre, prestando il fianco alle ripartenze ficcanti del tridente del Benevento. Farias fa venire più di un brivido ai tifosi del Citta, al 50', mentre tra il 56' e il 59' c'è l'Ambrosino show. Prima ci prova con una botta dal limite, Manfredini respinge goffamente e Antonucci non ne approfitta, nel secondo caso il talento del Napoli cerca di imitare Florenzi contro il Barcellona nel 2017 sfiorando la perla dai 50 metri. Nulla di fatto. 

ANCORA TOMMY, POI BEPPE. Il caldo si fa sentire, Gorini butta nella mischia Maistrello e Carriero. Intuizioni giuste, perchè entrambi vanno in gol. Il sorpasso arriva all'83'. Crociata batta rapido un corner conquistato da Giraudo, Branca rifinisce e Maistrello da rapace d'area di rigore si gira e fredda Manfredini. Secondo centro di fila per l'ex Renate, che sale a quota 4. Il Benevento si riversa in avanti, ora ci sono gli spazi per il Cittadella e Branca, tra i migliori in campo, serve il secondo assist di giornata per l'accorrente Carriero. Notte fonda per il Benevento, praticamente spacciato in C. Per il Cittadella, a 180' dalla fine, c'è ancora tanto da lottare, ma con un piccolo vantaggio da difendere con le unghie e con i denti.  

Il tabellino della sfida.

CITTADELLA-BENEVENTO 3-1

Primo Tempo 1-1

Marcatori Pettinari (B) al 18’ p.t., Vita (C) al 28' p.t, Maistrello (C) al 38’ s.t., Carriero (C) al 44’ s.t.

CITTADELLA (4-3-1-2)
Kastrati 6; Salvi 6, Perticone 6,5, Pavan 6,5, Donnarumma 6 (dal 1’ s.t. Giraudo 6); Vita 7 (dal 28’ s.t. Carriero 6), Branca 7, Crociata 6; Antonucci 5,5 (dal 12’ s.t. Danzi 6,5); Ambrosino 6,5 (dal 22’ s.t. Maistrello 6,5), Magrassi 6
PANCHINA Maniero, Manfrin, Del Fabro, Felicioli, Mattioli, Mastrantonio, Embalo, Lores Varela
ALLENATORE Gorini 6,5

BENEVENTO (4-3-3)
Manfredini 6,5; Veseli 6, Leverbe 5,5, Tosca 5,5, Foulon 5,5 (dal 28’ s.t. Letizia 5,5); Improta 5,5 (dal 28’ s.t. Tello 5,5), Schiattarella 5, Acampora 5 (dal 36’ p.t. Viviani 5); Ciano 6, Pettinari 6,5 (dal 14’ s.t. Carfora 6), Farias 6,5. 
PANCHINA Paleari, Bonagura, El Kaouakibi, Kubica, Karic, Jureskin, Koutsoupias
ALLENATORE Agostinelli 5

ARBITRO Sacchi di Macerata 6
ASSISTENTI DI LINEA Bottegoni 6 – Fontemurato 6

AMMONITI Donnarumma (C), Foulon (B), Ciano (B) per gioco scorretto, Crociata (C), Schiattarella (B), Carriero (C) per comportamento non regolamentare
 

NOTE paganti 1.512, incasso di 9246 euro; abbonati 1580, quota di 6.773 euro. Tiri in porta 12-1. Tiri fuori 8-13. In fuorigioco 0-2. Angoli 3-5. Recuperi: p.t. 2’, s.t. 5’

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cittadella con il "vento" in poppa, salvezza un po' più vicina

PadovaOggi è in caricamento