Donazioni alla Regione "smart" e agevolate: contrastare il Covid oggi è più facile

Regione Veneto ha reso più facilmente accessibili le donazioni volontarie per sostenere la lotta al Coronavirus. Saranno realizzabili con carta di credito tramite il sistema PagoPA

La home page del sito della Regione Veneto

Da oggi per i cittadini sarà più facile donare fondi alla Regione Veneto per la lotta al Coronavirus. Sono infatti state abilitate le transazioni con carta di credito con il sistema PagoPA utilizzato per i pagamenti verso le pubbliche amministrazioni.

Come funziona

Il metodo è lo stesso utilizzato per molte altre transazioni, come ad esempio il pagamento del bollo auto. I fondi verranno destinati direttamente alla Regione collegandosi al sito internet istituzionale. Nella home page è presente un collegamento diretto a una pagina dove inserire le proprie credenziali e scegliere l'importo predefinito (5, 10, 20, 50, 100, 200, 500 euro) o uno libero fino a mille euro senza commissioni bancarie con la carta di credito. In alternativa si può utilizzare PayPal con l’addebito di 1,50 euro. Al termine della procedura si riceve una mail di conferma con un attestato ufficiale firmato digitalmente dal presidente Zaia. La donazione può rimanere anonima contrassegnando l'apposita casella, altrimenti il nominativo apparirà nell’elenco pubblico dei donatori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Piccole transazioni più snelle

«La gara di solidarietà ingaggiata dai veneti in questa emergenza sanitaria non merita di essere rallentata da complicazioni di nessun tipo - sottolinea il vicepresidente Gianluca Forcolin, assessore al bilancio -. Si è reso necessario superare le difficoltà di versamento legate al bonifico bancario, che richiede il codice Iban e spesso anche una commissione imposta dalle banche che rende più difficoltose le piccole donazioni, che sono quelle più numerose. Ora per tutti sarà più semplice contribuire a sostenere il lavoro dei nostri sanitari».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caccia senza licenza e in giorno di silenzio venatorio: denunciato 71enne

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Schianto in moto tornando a casa, diciottenne Padovano perde la vita

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • A piedi lungo la tangenziale, giovane viene investito all'alba: è grave

  • «Non ho la mascherina perché non riconosco la legge italiana»: scatta la multa di 400 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento