Lunedì, 20 Settembre 2021
Attualità

Sospensioni medici non vaccinati, Zaia: "Adesso si va avanti"

Nei giorni scorsi il presidente della Regione aveva esitato in attesa di rassicurazioni a livello nazionale, temendo che potesse mancare il personale. Ora invece tira dritta, ma precisa: "Ad applicarle saranno i datori di lavoro, non io"

Il presidente della Regione, Luca Zaia

"La situazione si è chiarita. A livello nazionale gli assessori alla salute delle Regioni hanno deciso che si va avanti". Il presidente Luca Zaia scioglie così le ultime riserve sulla possibilità di sospendere medici, infermieri e personale sanitario che si oppone al vaccino. La settimana scorsa aveva congelato la decisione.

Le parole di Zaia

"Chiariamo però - ha premesso - Le sospensioni sono attuate dai datori di lavoro, che sono i direttori generali delle Asl, non le decide Zaia o l'assessore Lanzarin. La legge è chiara, prevede l'attivazione di tutta una procedura. Noi abbiamo chiesto la sospensione momentanea dei provvedimenti, perché avevamo avuto notizia che in Emilia Romagna il Tar potesse aver dato la sospensiva ai ricorrenti. Volevamo vedere la sentenza per vedere qual'era l'errore formale. Nel frattempo c'è chi si sta vaccinando, attendiamo. L'invito è a non farne una guerra di religione e di fare la vaccinazione, sarebbe un bel segnale".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sospensioni medici non vaccinati, Zaia: "Adesso si va avanti"

PadovaOggi è in caricamento