Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca

Caso Grafica Veneta, rintracciato dai carabinieri uno dei complici del caporalato

I militari lo hanno trovato a Mestre. Si tratta di uno degli uomini in possesso dei codici pin dei lavoratori e pare abbia fatto parte anche della squadra che ha picchiato e derubato i dipendenti che si erano rivolti al sindacato

È stato rintracciato dai carabinieri del Norm della compagnia di Cittadella uno dei pakistani che ha collaborato con i titolari della ditta BM Services sas nell’operazione “Pakarta”.

L’arresto

Mercoledì 28 luglio Farman Ullah, pakistano di 39 anni e residente a Trebaseleghe, è stato rintracciato dai carabinieri a Mestre (Venezia), vicino all’ufficio postale centrale. L’uomo collaborava con i titolari della BM Services sas in quella che i militari dell’Arma hanno chiamato operazione “Pakarta”: Ullah era una di quelle persone che aveva i codici pin dei bancomat dei lavoratori e ogni volta che i titolari della società glielo chiedevano andava a prelevare dai loro conti correnti. A quanto si apprende, pare che fosse anche uno degli uomini che ha picchiato e derubato i dipendenti che si erano rivolti al sindacato, per poi lasciarli feriti sulla strada. Ora si trova in carcere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Grafica Veneta, rintracciato dai carabinieri uno dei complici del caporalato

PadovaOggi è in caricamento