La manifestazione di Taranto e i "caduti" di ogni famiglia

In appendice alla cronaca della manifestazione tenutasi a Taranto, contro l'inquinamento, con oltre cinquemila partecipanti, un editoriale del Comitato, punta il dito sulla indifferenza globale che la società, in buona parte, dimostra per le tematiche di prevenzione e tutela della salute e dell'ambiente. Paradossalmente, il Comitato evoca le grandi epidemie per giustificare una sorta di "autosterminio" fatto e perpetrato a proprio danno con menefreghismo e sostanziale indifferenza

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

"A TARANTO QUASI OGNI FAMIGLIA HA IL PROPRIO CADUTO" ...o vittima, che dir si voglia...è un prezzo che anche in molte altre parti si paga in silenzio, un dato sottaciuto per non infastidire le industrie e le lobbyes imprenditoriali ed affar...istiche. Un dato che spesso viene "sacrificato" con la balla del "non c'è correlazione" ma che nel tempo, potrà, come già avvenuto per l'amianto e l'Ilva, scoppiare con la cruda e tragica verità dell'incremento di malattie e decessi, in una costante irreversibile per la salute pubblica.

Daltronde, l'assenza di buon senso e di una visione lungimirante delle amministrazioni "politico-partitiche" in tema di prevenzione e tutela della salute pubblica, viaggia ... ahinoi...di pari passo con l'indifferenza sociale e i dati sulla corruzione negli Enti pubblici. Quindi il paradosso contemporaneo, una sorta di scontro sociale ideologico, in termini di tutela della propria vita e quella dei propri cari, è l'indifferenza a queste tematiche, indifferenza che rappresenta una piaga endemica, forse peggiore di tante altre gravi , di natura differente, avvenute nel corso della storia, visto il menefreghismo generale che l'oggi quotidiano ci offre, ergo : l'umanità, unica tutrice di sè stessa ( vista l'inettitudine e la politica incapace e corrotta a tutelarne i presupposti), della propria salvaguardia e sopravvivenza, è vocata, (almeno quella parte di essa indifferente ed addirittura contrappposta ai comitati ed alle associazioni di tutela della salute e dell' ambiente), all'autosterminio se non, come già evinto da molte teorie in proposito, ad uno "sterminio" di "regime" (economico-finanziario) controllato ed assistito!...Unica differenza che gli uni, nel passato, hanno loro malgrado subìto, impotenti, quelle tragedie epocali, gli altri (la ns attuale società), le hanno e le stanno addirittura favorendo di buon grado, convintamente e consapevolmente.

(M.R.) - Lasciateci Respirare Conselve

Torna su
PadovaOggi è in caricamento