rotate-mobile
Cronaca

No alle manifestazioni in piazza, Forza Nuova organizza una protesta nella sede

L'appuntamento è per venerdì dalle ore 20.30 in via Girolamo Dal Santo a Padova

Forza Nuova si scaglia contro le decisioni della Questura, attaccando la polizia di Padova. “Se per la seconda volta ci viene impedito di manifestare pubblicamente in piazza nella città di Padova attraverso l’assurda imposizione da parte della Questura di “svolgere la manifestazione in luogo chiuso”, è evidente come agli organi di Polizia faccia comodo aleggiare lo spettro dei precedenti scontri di piazza, la cui responsabilità peraltro non è ascrivibile al nostro Movimento, per sancire la propria incapacità di gestione dell’ordine pubblico”, dichiara il partito. 

LE DICHIARAZIONI.

“A questo punto Forza Nuova - fa sapere il coordinatore regionale Andrea Visentin, mostrando la consueta maturità politica a differenza di ormai pochi cani urlanti di sistema – starà alle disposizioni imposte, annunciando che venerdì 8 settembre i militanti Veneti del Movimento saranno comunque a Padova e lanceranno proprio dalla Città del Santo le “passeggiate della sicurezza nazionali” previste in tutta Italia per questo week end, nelle strade e quartieri più degradati a fianco del Segretario Nazionale di Forza Nuova Roberto Fiore che sarà presente con noi venerdì sera". 

OPERAZIONE FRONTEX.

"Forza Nuova non è e non sarà mai sterile propaganda, ma è e sarà sempre movimentismo e soprattutto realismo politico, in primis di fronte al fenomeno migratorio in atto che sta seriamente minando l’ordine sociale nazionale con decine e decine di casi giornalieri di aggressioni o addirittura stupri, oltre che sanitario, come da ultimi tragici fatti di cronaca e dai dati sul rinascere di malattie quali tubercolosi, scabbia e la recente malaria  sotto gli occhi di tutti gli Italiani; per questo saremo ancora una volta nelle strade vicini ai nostri cittadini, pronti a difenderli fisicamente se necessario. Negli ultimi giorni - conclude Visentin - grazie all'operazione "Frontex", sono sbarcati in Italia altri allogeni, future leve per la criminalità comune e, mentre fra l'opinione pubblica imperversa la paura sulla "tenuta democratica" apparentemente messa a rischio dagli estremismi, è proprio Forza Nuova l'unica formazione politica alternativa alla destra di sistema che dimostra ogni giorno di aver previsto con lungimiranza la situazione attuale del nostro Paese e che chiede a gran voce l'immediato blocco delle frontiere ed un immediato rimpatrio!" 

L'ISLAM.

Presente a Padova anche il coordinatore Nord del movimento, Luca Castellini, che incalza: "In tutte le maggiori città venete, i centri urbani stanno progressivamente assumendo una nuova veste: dalle moschee abusive ai quartieri-ghetto fino ai sacrifici animali in pubblica piazza; questi sono elementi che hanno tutti in comune la totale noncuranza delle leggi che dovrebbero vigere sul territorio nazionale e che pertanto conferiscono al fenomeno del culto islamico un problema legislativo prima ancora che culturale; nelle topaie nascoste delle nostre città, le seconde e terze generazioni, figli sradicati di altri immigrati, prendono a prestito dall’integralismo islamico solo l'odio per l’occidente bianco, dando vita ad un islamismo 2.0 che in tutto il Medio-Oriente miete vittime cristiane tanto quanto musulmane”. 

LA PROTESTA.

"È a queste future cellule impazzite senza etica e radici - continua Castellini - che il nostro Governo vorrebbe garantire la cittadinanza italiana attraverso lo Ius Soli: la più grande arma di genocidio che l'Europa abbia mai conosciuto e che darà ancora più forza al terrorismo islamista.... e ve lo dice uno che qualche anno fa ha fatto la galera dopo aver partecipato alla famosa irruzione in una sede televisiva, voluta per dare un messaggio forte alle istituzioni contro il pericolo islamico. Chi ci sta lentamente condannando a morte - conclude Castellini - è in primis questo Governo abusivo e venduto che chiacchiera di lotta al terrorismo, quando è lo stesso che non avrà mai coraggio e volontà di chiudere le frontiere. La dirigenza veneta di Forza Nuova invita quindi nuovamente tutti i partiti e comitati cittadini, a scendere in strada al nostro fianco e a partecipare alle nostre passeggiate per la sicurezza; l'appuntamento è per venerdì dalle ore 20.30 davanti alla sede del Movimento in via Girolamo Dal Santo, 4”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

No alle manifestazioni in piazza, Forza Nuova organizza una protesta nella sede

PadovaOggi è in caricamento