menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La protesta davanti al tribunale (fonte: Twitter Adl Cobas)

La protesta davanti al tribunale (fonte: Twitter Adl Cobas)

Protesta dell'Adl Cobas al tribunale "Licenziati iscritti per rappresaglia"

Il sindacato ha dato vita mercoledì mattina a una manifestazione contro alcuni tagli al personale operati a Padova dal gruppo Despar. Nel palazzo di giustizia intanto la prima udienza per uno dei casi segnalati dagli attivisti

Megafono e striscioni mercoledì mattina davanti al tribunale di Padova dove circa 50 persone fra lavoratori e sindacalisti dell'Adl Cobas hanno dato vita a una manifestazione di protesta contro l'ultimo licenziamento comunicato dal gruppo Despar a un dipendente iscritto al sindacato. Per gli attivisti si tratta non a caso del terzo caso consecutivo ai danni di un lavoratore aderente ai Cobas che da tempo hanno ingaggiato una battaglia contro tagli definiti "rappresaglie" nei confronti di un sindacato "scomodo". Il sit-in ha avuto luogo mentre nel palazzo di giustizia si stava svolgendo la prima udienza relativa ad uno dei licenziamenti segnalati.

IL PRIMO CASO AD AGOSTO: "Jawad, licenziato perchè iscritto ai Cobas"

LA PROTESTA. A detta del sindacato, la cui protesta si è svolta pacificamente sotto la sorveglianza delle forze dell'ordine, dopo il primo licenziamento avvenuto in agosto e il secondo avvenuto in ottobre, anche il terzo sarebbe stato motivato dall'azienda con uno "scarso rendimento" da parte del dipendente, giustificazione infondata secondo Adl Cobas che, per gli stessi motivi, già il 22 novembre aveva promosso un corteo di protesta ampiamente partecipato bloccando il traffico in corso Stati Uniti e presidiando l'ingresso dell'Interporto dove si trova il magazzino Despar.

DAL TRIBUNALE ALLA STAZIONE. Dopo il sit-in davanti al tribunale mercoledì mattina il gruppo di manifestanti si è spostato davanti ad uno dei supermercati della catena, quello aperto all'interno della stazione ferroviaria, lanciando una campagna di boicottaggio e chiedendo una presa di posizione da parte del direttore del negozio sui licenziamenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Il Sant'Antonio di Evyrein compare in centro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento