menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Possibili problemi in vista per le coltivazioni

Possibili problemi in vista per le coltivazioni

Rischio siccità nel Padovano, fiume Bacchiglione più asciutto del 60%

Secondo l'Arpav sarebbe la situazione idrogeologica più critica degli ultimi 20 anni in Veneto, seconda solo a quanto avvenne nel 2002. I corsi d'acqua di montagna e pianura hanno portate di gran lunga al di sotto delle medie stagionali

Le poche piogge e la scarsa neve cadute da ottobre in poi stanno presentando ora il conto. Non è ancora scattato il vero e proprio allarme, ma il rischio di siccità si può già toccare con mano, anche per i coltivatori padovani la situazione è di pre-allarme.

BACCHIGLIONE SOTTO DEL 60%. Secondo l'Arpav sarebbe la situazione idrogeologica più critica degli ultimi 20 anni in Veneto, seconda solo a quanto avvenne nel 2002. I corsi d'acqua di montagna e pianura hanno portate di gran lunga al di sotto delle medie stagionali: il bacino del Bacchiglione, che percorre anche il Padovano, registra un calo di oltre il 60%.


DISGELO A RISCHIO. I principali laghi artificiali del Piave e del Brenta, dei veri e propri serbatoi ad uso idroelettrico, sono, come di norma in questo periodo, relativamente vuoti in attesa di un successivo riempimento che, statisticamente, è consentito con il disgelo del manto nevoso nella tarda primavera, ma che, proseguendo così la stagione, si preannuncia a rischio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Superenalotto: vincite a Noventa Padovana e a Este

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento