«Le nutrie stanno devastando i nostri campi»: la denuncia dalla Bassa Padovana

«Solitamente costruiscono delle tane vicino alle arginature, le quali, inevitabilmente, cedono in caso di transito dei trattori e dei mezzi agricoli in generale: alla perdita dei raccolti si aggiunge, dunque, un pericolo per l’agricoltore stesso e per l’intero equilibrio idrogeologico»

Uno dei campi rovinati dalle nutrie a Piacenza d'Adige

Stanno devastando i campi da barbabietola da zucchero vicino ai corsi d’acqua, nella zona di Piacenza d’Adige: in questi giorni decine di esemplari di nutrie stanno scorrazzando sugli appezzamenti agricoli mettendo a rischio i raccolti, peraltro in un momento già di per sé molto difficile per gli imprenditori del settore a causa dell’emergenza sanitaria ancora in atto.

Nutrie

Commenta Emilio Cappellari, presidente della zona Este di Cia: «Non ci sono solo i cinghiali che, col loro passaggio, compromettono le rese dei nostri prodotti d’eccellenza: pure le nutrie rappresentano un problema col quale siamo chiamati a fare i conti». Gli avvistamenti, in questo periodo, si registrano nell’area della Bassa Padovana. Tale animale si nutre principalmente di parti vegetali, tra le quali preferisce le radici, i tuberi e i rizomi: «Si muovono - continua Cappellari - in maniera subdola. Solitamente costruiscono delle tane vicino alle arginature, le quali, inevitabilmente, cedono in caso di transito dei trattori e dei mezzi agricoli in generale. Alla perdita dei raccolti si aggiunge, dunque, un pericolo per l’agricoltore stesso e per l’intero equilibrio idrogeologico. Scavano delle buche, che arrivano ad una profondità di 5 metri e mezzo: ragion per cui sotto la superficie dei terreni si crea il vuoto. Le tane non si vedono, transitandovi sopra i trattori si possono addirittura ribaltare». Questa specie, inoltre, ha un potenziale riproduttivo molto elevato: la femmina può venire fecondata durante tutto l’anno e perfino poche ore dopo il parto. I piccoli partoriti sono, in genere, 5 o 6.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Controlli

Sottolinea Fabio Miotti, consigliere provinciale con delega all’agricoltura: «Da anni la Provincia ha deciso di intensificare il contenimento del miocastoride con apposite trappole. Gli interventi vengono effettuati dagli agenti della polizia provinciale o da personale (coadiutori) munito di licenza di caccia adeguatamente formato, previa autorizzazione rilasciata dalla stessa polizia provinciale. Sono previsti pure interventi localizzati di abbattimento mediante l’utilizzo di armi da fuoco, che si ritiene siano particolarmente efficaci durante la stagione autunno-invernale, quando la specie tende a concentrarsi maggiormente nei corsi d’acqua principali».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caccia senza licenza e in giorno di silenzio venatorio: denunciato 71enne

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Schianto in moto tornando a casa, diciottenne Padovano perde la vita

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • A piedi lungo la tangenziale, giovane viene investito all'alba: è grave

  • «Non ho la mascherina perché non riconosco la legge italiana»: scatta la multa di 400 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento